La vermiculite è una roccia di origine vulcanica costituita da silicato di alluminio e magnesio idrato con tracce di ossido di ferro.
Normalmente la si trova in commercio nella forma di vermiculite espansa: il minerale grezzo viene frantumato, macinato e sottoposto ad elevate temperature che provocano l'evaporazione dell'acqua e l'espansione del granulo.
La vermiculite espansa si presenta sotto forma di granuli irregolari ed è un materiale esente da impurità e privo di sostanze nocive per la salute.
E' capace di regolare l'umidità, traspirante, con buone proprietà termoisolanti e fonoassorbenti. E' inoltre incombustibile, inerte, stabile nel tempo e inattaccabile da parassiti ed insetti.

In edilizia viene applicata in forma sfusa in intercapedini di pareti perimetrali, coperture, sottotetti non praticabili.
Se miscelata con acqua e legante idraulico può essere utilizzata nella realizzazione di sottofondi e massetti in solai interpiano e controterra, coperture piane e inclinate. La vermiculite a glanulometria fine viene inoltre impiegata come inerte per la realizzazione di intonaci termoisolanti, fonoassorbenti e resistenti al fuoco.
Il materiale sfuso è riutilizzabile unicamente come inerte per calcestruzzo.

Come tutti i minerali di origine vulcanica la vermiculite presenta un certo rischio di radioattività naturale.

Il Portale della Bioedilizia non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin" Accetto - Per saperne di più