Il parquet è una pavimentazione composta dall'assemblaggio di singoli elementi di legno con spessore minimo di mm 2,5 di legno nobile (secondo le normative europee) prima della posa, al di sotto dei quali non si può più definire parquet.

I legni nobili comunemente usati per le pavimentazioni in parquet sono: rovere, doussié, wengé, olivo, noce, iroko, teak, merbau, afrormosia, faggio. In quanto pre-finiti in laboratorio (e non in opera) si prestano a finiture particolari quali colorazioni tramite pigmenti, decappature (colorazioni a pigmenti in contrasto tra la fibra e la base del legno), spazzolatura (con effetto ruvido) e altri.
Il trattamento finale può essere ad olio o vernice. La finitura ad olio (quelli vegetali hanno residui tossici quasi nulli) richiede una manutenzione costante, non è idrorepellente nel primo anno di vita, ma conferisce alla pavimentazione un aspetto più naturale. Le vernici sono invece di più facile manutenzione e in commercio se ne trovano anche ad "effetto cera" con minor lucentezza rispetto alle vernici satinate.

Il Portale della Bioedilizia non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin" Accetto - Per saperne di più