Gli impianti solari termici sono dispositivi che permettono di catturare l'energia solare, immagazzinarla e usarla nelle maniere più svariate. Un impianto solare termico è composto sempre almeno dalle seguenti unità:
- uno o più collettori (o pannelli solari), attraversati da un fluido termovettore al quale cedono il calore del sole;
- un serbatorio di accumulo del fluido, dove l'energia termica viene accumulata e resa disponibile quando necessaria.

Esistono due tipi di impianti:
- a circolazione naturale: il fluido è l'acqua stessa che, riscaldandosi, sale per convezione in un serbatoio di accumulo (boiler) dal quale viene distribuito alle utenze domestiche;
- a circolazione forzata: abbiamo in questo caso un circuito composto dal pannello, una serpentina posta all'interno del boiler e tubi di raccordo. Una pompa permette la cessione del calore raccolto dal fluido (non acqua, in questo caso, bensì glicole propilenico, un liquido simile a quello usato per i radiatori delle automobili) alla serpentina posta all'interno del boiler. Questa seconda tipologia di impianto, più complessa dell'impianto a circolazione naturale, ha però una efficienza maggiore ed è soggetto a minore dispersione termica.

Il Portale della Bioedilizia non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin" Accetto - Per saperne di più