L'impianto geotermico sfrutta le enormi potenzialità offerte dal calore presente nel sottosuolo per climatizzare gli edifici estraendo il calore d'inverno e cedendolo d'estate; questa fonte alternativa è praticamente inesauribile perchè è generata dai processi naturali che avvengono all'interno della Terra.
La tecnologia per climatizzare gli immobili è definita geotermia a bassa temperatura oppure a bassa entalpia: cioè sfrutta le temperature più costanti della superficie terrestre; la geotermia ad alte temperature, invece, è utilizzata per produrre energia elettrica attraverso il calore generato negli strati più profondi che alimentano le turbine delle grandi centrali.

I sistemi migliori per utilizzare gli impianti geotermici sono i terminali a bassa temperatura che cedono il calore all'esterno anche a 40° come i pannelli radianti, a parete e a pavimento, le bocchette d'aria e ad esempio i ventilconvettori.

Il sistema funziona attraverso una pompa di calore che in inverno manda acqua ferdda presente nell'impianto nel terreno, ne acquisisce il calore per conduzione e dopo averlo ceduto nell'ambiente attraverso i pannelli radianti rientra nel terreno e il ciclo riparte; in estate il procedimento è inverso: la pompa invia attraverso l'impianto acqua più calda della temperatura del terreno che acquisisce il calore e il liquido raffreddato ritorna nei locali dell'edificio con temperature più basse e procede al raffrescamento utilizzando i pannelli radianti come nel processo estivo.

L'impianto geotermico può essere integrato, ad esempio per produrre acqua calda sanitaria, con i pannelli solari termici per avere la quantità necessaria in caso di bisogno.

Il Portale della Bioedilizia non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin" Accetto - Per saperne di più