Il cippato è legno ridotto in scaglie con dimensioni variabili da alcuni millimetri ad alcuni centimetri.
Viene prodotto utilizzando la cosiddetta cippatrice, a partire da tronchi o da rami e ramaglie.

Può essere utilizzato come combustibile o come materia prima per processi industriali.
Il cippato, come le altre biomasse ligno-cellulosiche, è una fonte rinnovabile: può essere prodotto da scarti di lavorazioni agricole e forestali o da colture dedicate (short rotation). Viene utilizzato sia per la generazione elettrica che per produrre calore o anche in impianti di cogenerazione in forma combinata.

Il Portale della Bioedilizia non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin" Accetto - Per saperne di più