Il bioetanolo è un etanolo che può essere prodotto mediante un processo di fermentazione da biomasse, ovvero da prodotti agricoli ricchi di zuccheri (glucidi), quali cereali, amidacei e vinacce. ha un potere calorifico inferiore a quello della benzina ed è un vettore energetico che ha un rendimento termodinamico del 30% inferiore rispetto al normale combustibile
Il bioetanolo rappresenta oggi il biocarburante di maggiore interesse: la sua produzione mondiale è stimabile tra 11 e 11,5 milioni di tonnellate annue (in maggioranza da USA e Brasile).

L'etanolo può essere utilizzato come componente per benzine, alle quali viene miscelato in percentuali variabili, o per la preparazione dell'ETBE (EtilTerButilEtere), un derivato con un più alto numero di ottani, con caratteristiche tecnologiche e funzionali simili, ma di gran lunga migliori di quelle dell'alcool di provenienza.

Il Portale della Bioedilizia non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin" Accetto - Per saperne di più